Facciamo il punto sui nuovi criteri di valutazione SIA.


Focus SIA 2017Nuovi modelli e requisiti per le famiglie che chiedono il sussidio SIA dopo le novità normative in vigore dal 30 aprile: istruzioni INPS.

Ampliamento platea beneficiari del sussidio di inclusione attiva (SIA), potenziamento agevolazione per determinate tipologie di nucleo familiare, nuovi modelli di domanda: tutti i chiarimenti sulle novità in materia previste dal DM 16 marzo 2017 e operative dal  scorso 30 aprile, sono illustrati nella circolare INPS 86/2017, in attesa che il sussidio venga sostituito dal Reddito di Inclusione previsto dalla legge sul contrasto alla povertà.

Il sussidio

Il sussidio di inclusione attiva, introdotto dalla Legge di Stabilità 2016 (articolo 1, comma 387, lettera a, legge 208/2015), prevede un sostegno economico alle famiglie in particolari situazioni di disagio (sulla base della dichiarazione ISEE e della composizione del nucleo familiare) con un progetto di inclusione sociale e lavorativa.

I beneficiari

La platea dei beneficiari viene ampliata rendendo meno stringenti alcuni requisiti precedentemente previsti. ( solo se nel nucleo familiare rientra persona non autosufficiente)

  • Se nel nucleo familiare rientra una persona non autosufficiente, il valore complessivo dei trattamenti economici – anche fiscalmente esenti, di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, a qualunque titolo concessi dallo Stato o da altre amministrazioni – non deve essere superiore a 900 euro mensili (prima l’asticella era fissata a 600 euro).
  • Il paletto in base al quale era vietato l’accesso al sussidio di inclusione attiva a chi possiede autovetture o moto di cilindrata superiore a determinate soglie non riguarda i veicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità.
  • Sono resi più flessibili anche i criteri di valutazione dello stato di bisogno familiare, abbassando il coefficiente a 25 (prima era 45). Si tratta di un valore che risulta in base a un calcolo dettagliatamente spiegato nel decreto 26 maggio 2016, che assegna punteggi diversi in base a composizione del nucleo familiare e condizione economica. Infine, viene eliminato l’obbligo di dichiarare lo stato di disoccupazione da parte di persone non autosufficienti, inabili al lavoro, studenti.

Importo Risultati immagini per sia sostegno inclusione attiva

Per quanto riguarda gli importi economici, l’unico cambiamento riguarda i nuclei familiari composti da un solo genitore e da figli minorenni, a cui viene riconosciuto un aumento mensile di 80 euro. Attenzione: questo beneficio, dallo scorso 30 aprile, è automaticamente riconosciuto anche a coloro che percepiscono già il SIA.

Durata

E’ possibile accedere al beneficio per una durata superiore ai 12 mesi precedenti previsti: la nuova richiesta, non può essere presentata prima di tre bimestri dall’ultimo beneficio percepito (anche in caso di revoca).

Domanda

L’INPS provvederà a rielaborare d’ufficio tutte le domande che erano state respinte per mancanza di uno dei requisti ora rivisti, in quanto l’articolo 6, comma 2, del Decreto 2017 contiene una norma transitoria relativa a coloro che si sono visti respingere, prima dell’entrata in vigore del predetto Decreto, la domanda di SIA, in virtù del mancato soddisfacimento di uno o più dei requisiti oggetto di modifica da parte della novella del 2017.

Pertanto, nello specifico l’INPS  ribadisce che provvederà a rielaborare d’ufficio, con verifica dei requisiti al 30 aprile 2017 in base ai nuovi criteri, tutte le domande presentate entro il 29 aprile 2017, che siano state rigettate esclusivamente per effetto dell’applicazione di uno dei criteri modificati dal Decreto 2017 (si veda il paragrafo 2 della circolare) a seguito delle note operative che saranno rese note con messaggio INPS .

Al fine di evitare duplicazioni delle domande, invita ai Comuni e gli ambiti sono a non far ripresentare domanda di SIA ai componenti dei nuclei che si trovino nella situazione sopra descritta, ma a farla presentare solo a chi non ha mai presentato istanza.

Nel frattempo è stato aggiornato il modello di domanda ed è stato introdotto il modello SIA-com per comunicare le eventuali variazioni della situazione lavorativa e reddituale rispetto all’ISEE in corso di validità al momento di presentazione della domanda. Questo modello va compilato entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa, oppure in caso di variazioni del reddito, o ancora al momento di presentazione della domanda se uno o più componenti del nucleo percepiscono redditi da lavoro che non siano stati valorizzati nell’attestazione ISEE in corso di validità. 

Fonte: circolare INPS

Allegato N.1
Allegato N.2
Allegato N.3

Annunci
Categorie: avvisi, Senza categoria, SIA (Sostegno all'Inclusione Attiva) | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: